Mostri di carta

Che certi libri ci piacciano non significa che capiamo in che modo quei mucchietti di parole ci stuzzicano tanto. Perché potremmo scrivere trattati al riguardo ma in realtà i libri non sono altro che mucchietti piuttosto misteriosi di termini. Ogni libro (che leggo) infatti per me resta un mistero e un tesoro. Insomma, di parole ce ne sono tante eppure più o meno quelle più usate sono le stesse – se non si vuole cadere nel desueto o nel disattento – ma, nonostante ciò, un mucchietto di parole ci piace più di un altro. Come per la musica in cui le note sono sette eppure possono emozionarci o lasciarci del tutto indifferenti.

Forse per questo, le domande per sapere come lavora chi gioca con le parole sono tra quelle che mi sono state fatte più volte. E, come ho detto in altre occasioni, ciascuno ha il suo metodo di lavoro: c’è chi sa in anticipo la fine della storia e da quella prende il via, per andare a ritroso fino alla sua origine. C’è che si avventura dall’inizio alla fine senza un’idea precisa. Chi vuole farsi tutto lo schema e chi al primo sentore di ‘puzza di schema’ fugge terrorizzato. E probabilmente ci sono molti modi intermedi.

Per quel che riguarda me parto da un’idea e regolarmente questa subisce una mutazione mentre ci lavoro su. La storia si racconta da sé perché io parto credendo ingenuamente che sia una semplice storia da tre paroline e mi ritrovo poi con un groviglio in cui non so da dove sono arrivati tutti i dettagli, i dati, le storie personali e così via… È in questo modo, ascoltando la storia e cercando di raccontarla anche quando lei si ostina a sostenere che no, lì le cose non possono essere andate così e obbligandomi a trarre le mie conclusioni, che… mi sommergo di malloppi di pagine.

Anche adesso ci sono fogli ovunque intorno a me.

Piccoli, grandi, strappati come pure perfettamente quadrati o minuscoli come francobolli. Bianchi o colorati, ma quasi sempre senza righe (odio che le righe mi dicano dove devo scrivere, per giove! E ancor più odio i disegni che spuntano tra righe e quadretti come carcerati). Insomma, mentre lavoro finisce che ben presto sono sommersa dei miei ADM: gli appunti del momento. Correzioni da fare sul già scritto che mi vengono in mente all’improvviso, mezze idee, dettagli da sistemare… disegnetti orrendi da modificare…

Alcuni lo chiamano disordine creativo ma non credeteci… è solo disordine!

Navigo a vista nel mio mare di foglietti e anche se il sistema è decisamente caotico per ora ha funzionato abbastanza. Di questo passo però mi servirà un faro per orientarmi… oh, sì, torno al punto: ciò che volevo dire è che nello stare tra tutti questi fogli mi sono resa conto che strane creature si muovono tra le carte.

No. Non sono le cimici camaleonte, affamate divoratrici d’inchiostro magico; credo invece che siano le ben più mitologiche Idre Scriptorie. Se preferite potete chiamarle più pomposamente soluzioni narrative. Non le vedi finché non escono da sotto il mare di carta; sono mostri a sette teste che rispondono solo al ticchettio ininterrotto della tastiera o al suono raschiante della penna sul foglio di carta e che si cibano di appunti (oltre che scriptorie ce ne sono anche di matematiche e ingegneristiche e statistiche e così via, e hanno aspetti molto diversi. In ogni caso però digrumano appunti, per questo perdiamo sempre i foglietti con quelli più importanti!!!).

Ora… servono lunghe e faticose ore per chiamarle. A volte giorni o mesi. Quando ne arriva una, il mare di carta fruscia inquietante e un brivido mi corre lungo la schiena; a volte pesco quella sbagliata e c’è da ricominciare a cercare. Nel frattempo la pila di carte cresce fino quasi a sommergermi e il numero dei mostri aumenta a dismisura; l’oceano di foglietti diventa una montagna e, credo, mi impedirà di vedere presto il video del piccì. Mi servirà un periscopio…

Finirà che per parlarmi la gente dovrà scavalcare chilometri e chilometri di pagine e fogliacci accartocciati. Ma spero, prima di allora e per ogni lavoro, di riuscire a pescare il mostro giusto… la soluzione perfetta. Bè, in realtà mi basta la meno imperfetta. Nell’etimologia del termine: quella da mostrare!

E senza che mi divori… 😉

PS: Se non l’avete ancora scovata e volete vedere un’anteprima minuscola della copertina (firmata Linda Cavallini) dello Stregone dei Venti andate alla pagina ‘i miei libri’ o sul sito del Battello a Vapore… è piccola ma è lei e… vi farete un’idea!!!


16 thoughts on “Mostri di carta

  1. miki hai pienamente ragione; dovresti entrare nella mia camera e vedere tutti i fogli di arta sparsi per terra!!
    anke io odio vedere che sotto i disegni si nascondono quadretti o righe…rovinano completamente il disegno!!!
    la copertina è bellisima! e, sicuramente, lo sarà anche il libro!

    Mi piace

  2. Anch’io uso il pc ma tra tastiera e video c’è… il disastro più totale di foglietti… sigh… a tratti prendo appunti anche nei file, ma non è come coi foglietti… in cui metto appunti anche quando il pc è spento… 😀

    Mi piace

  3. Se esiste qualche scrittore che riesce a immaginarsi il proprio libro esattamente come poi esso sarà.. be’, ha tutta la mia ammirazione, ma anche un po’ di compassione: in fondo, il divertimento sta proprio nell’imparare a conoscere la propria storia e nel seguirne con muto stupore le svolte più inaspettatte.
    I foglietti.. lo ammetto, non ne faccio largo uso. Soprattutto adesso che i miei racconti soffrono dell’inizio della scuola. Anche in generale, però, di solito annoto sul file o su un unico block notes. Le idee mi rimangono in mente, quelle che apprezzo di più, e se se ne vanno.. vuol dire che forse non erano poi tanto geniali..!
    piesse: non vedo l’ora di avere in mano lo Stregone dei Venti! =)

    Mi piace

  4. Sapete qual è il vantaggio più bello della carta? Il fatto che la trovo anche senza accendere una macchina… anche se un temporale ha mandato via la corrente elettrica ecc ecc. Lo so, per un ing questo non è leale, soprattutto nei confronti della signora Elettricità, però è vero… non posso sempre stare con una roba in carica per essere pronta ad annotare tutto mentre un blocco ha lo svantaggio di avere i fogli in ordine (!!!) ragion per cui poi devo sfogliarlo tutto per trovare la notarella a margine a pagina 126… e mi ritornano in mente un sacco di cose su altri lavori che è meglio al momento lasciare indietro.
    Sono iper-caotica, lo so ma ognuno ha i suoi difetti! 😉

    PS: Sul sapere come sarà il tuo libro sono perfettamente d’accordo. Uno scribacchiatore dovrebbe essere flessibile. Ma spesso molti lavorano per riportare la storia sui binari che volevano inizialmente e non se ne lasciano trasportare via. Va bene per certe cose, ma è un po’ triste per altre. Secondo me perdono qualcosa… ma vero è che si risparmiano una enorme fatciaccia!!!

    Mi piace

  5. Beh, non posso che trovarmi d’accordo… non ho foglietti ho quant’altro, ma le mie storie nascono mentre le scrivo… motivo per cui spesso inizio senza poi sapere come continuare… -.-”
    Però di una cosa sono sicuro… non voglio essere uno scrittore “precisino” anche a costo di avere nodi irrisolti lungo la trama. 😀

    Mi piace

  6. Come ti capisco la mia camera è tappezzata di fogli, disegni di tutti i tipi appicicati sulle ante dell’ armadio e sulla libreria; per non parlare di tutti i block notes sulla scrivania e sul letto. Nonostate mia madre mi ripeta semre di buttare tutto e di mettere in odrine la camera io continuovo a spargere fogli. A volte, mentre studio, mi capita di appuntare le mie idee sugli angoli dei libri o dei quaderni e su qualunue altra parte disponile; una cosa ce mi capita però anche scuola e che a volte mi fa perdere intere lezioni. So perfettamente che questo implica sul mio rendimento scolastico ma quando il mio cervello inizia a lavorare di fantasia non si ferma più …

    Mi piace

  7. Eh, lo so, ma è un guaio, anche perchè se accetti un suggeriemnto: se stai attenta a scuola poi devi studiare meno a casa e quindi hai più tempo per fare quello che ti interessa, a casa. E lì nessuno ti rimprovera perché ti distrai… almeno per me funzionava così…
    Ma i notes sul letto? Dormi sulla carta? 😀

    Mi piace

  8. Grazie del consiglio … Comunque tranquilla non dormo sulla carta, di solito i block notes che ho sul letto la sera li sposto in qualunque angolo della casa libero … Anche se ogni tanto di notte trovo foglietti sotto le lenzuola senza sapere come ci siano finiti … 😀

    Mi piace

  9. Questo argomento è stato divertentissimo,mi hai fatto ridere a umidiocchi ( una parola inventata da me) e a crepapelle, accennando ai mostri a sette teste e alle cimici camaleonte…veramente bravissima.
    Ciao a tutti e a presto !

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...