Recensioni de ‘Il Sangue di Marklant’

Copertina il sangue di marklantPer chi di voi fosse curioso ma non del tutto convinto all’acquisto o fosse anche solo interessato a leggere pareri su ‘Il Sangue di Marklant’, trovate qui in lista con i relativi link le recensioni che ho reperito online. Ce ne sono diverse, adesso, – lusinghierissime, grazie! – che ho scovato navigando o che mi avete notificato voi. Le nuove saranno via via in coda alla lista…

Cominciano a piovere le prime anche su:

  • anobii (un paio di recensioni – una di una frequentatrice di questo blog, Skye!!!!)
  • goodreads ( con un ottimo rating… per il momento! Thanks!)
  • Amazon 

E, non come recensione, ma se ne parla anche qui:

Che dire? Grazie mille! E se avete un blog che fa recensioni e volete vedere il vostro link qui con la vostra recensione della storia di Marklant, o se volete indicarmi dove trovarne una che non ho ancora scovato o simili, potete scrivermi in posta o qui in coda all’articolo e l’aggiungerò… inutile dire che è presto, ma spero la lista si allunghi… 😀


23 thoughts on “Recensioni de ‘Il Sangue di Marklant’

      1. Ehi! La mia recensione su anobii! Sono lusingata!
        Finita la seconda lettura e mi è rimasta la nostalgia tipica dei buoni libri.

        Domanda con GRANDE SPOILER:
        A quando la conclusione dell’assedio con il ‘trent’anni dopo’ finale? Aspetterò con ansia!

        Mi piace

  1. Oh mio Dio. Non prendermi per pazza. Renditi conto che ho appena rispolverato la mia libreria e cosa mi trovo? Il libro prigioniero. Si esatto proprio lui. Questo libro l’ho letto quando avevo 12 anni e non ne ricordavo nemmeno l’esistenza. Nel 2012 scrivevo tantissimo qui, rispondevo ad ogni tuo post e mi sembra siano passati secoli e invece ‘solo’ quattro anni. Ora Avevo 13 anni all’epoca e ho davvero tanti (MA TANTI) ricordi di me stessa che scrivevo qui, che leggevo i tuoi libri. Mi domando come io abbia fatto a scordarmi di tutto questo.
    Sono arrivata agli ultimi 3 libri delle ‘Cronache della valle nascosta’ mi sa che devo darci dentro con la lettura per recuperare, vero?
    All’epoca ti consideravo la mia scrittrice preferita in assoluto, ora sei una dei tanti miei scrittori preferiti.
    Il tuo libro ‘Il libro prigioniero’ mi ha appassionato alla lettura, grazie di cuore. Ora, mi divoro letteralmente i libri.
    Grazie di tutto, Alessandra.

    Mi piace

    1. Grazie a te! Bentornata! E se proverai a leggere qualcosa di più recente (e per più grandi) spero proprio che ti entusiasmerai nello stesso modo, o magari di più, chissà!!! 😉 A presto!

      Mi piace

  2. Ciao Miki. Torno a farmi vedere dopo tanto troppo tempo. Volevo dirti che dopo aver letto, riletto e recensito Marklant mi è venuta voglia di rifarmi una cultura. E quindi sto rileggendo la tua “opera omnia”, cominciando da Il libro prigioniero. Troppo bello ❤

    Mi piace

  3. Ciao! Mi fa piacere che alla fine ti sia piaciuto abbastanza da ‘sudare e grondare sangue‘ come i protagonisti e rileggerlo… 😀 Recensito su qlibri suppongo? Letto adesso… Uao! Se non sei tu quel piero abbi pazienza… Aggiungo il link alla rece qui sopra in fila! Mi sembra strano ti abbia sorpreso tanto… in effetti non lo trovo particolarmente distante dalle mie altre cose (tutte), anche se è ovvio che non è per ragazzi. Nè è per adolescenti – non soltanto!!!
    Cavolo quanto detesto le caselline strette strette!

    D’altronde tu non hai presente tutta la mia prolissa produzione, alludo a quella inedita ovviamente… ahaha! E come potresti? Insomma, cerco sempre un po’ la sfida, anche nelle cose più classiche… e come potevo rinunciare ad affrontare il fantasy anche in modi meno tradizionali? Per definizione il fantasy è ‘apertura all’impossibile o all’impensabile’!

    Buona rilettura allora, e grazie mille!!! 😀 😀 😀

    Mi piace

    1. Ciao!! Si si. Sono proprio il Piero di qlibri. Mi ha sorpreso nel senso che l’ho trovato parecchio diverso da Cornelia e soci o dalla Scacchiera nera. E cavoli ora che lo so, non so cosa darei per ficcare il naso tra i tuoi inediti. 🙂
      Ma un giro di presentazioni del libro poi non l’hai fatto o me lo sono perso?

      Mi piace

      1. Vabè, ma Cornelia era per ragazzi e per la Scacchiera c’è una crescita ‘accompagnata’ da libro a libro… penso. L’ultimo, secondo me, non si discosta molto da Marklant. A parte che la storia è differente… e che nella Scacchiera è narrata in prima persona, ovviamente… ma ogni storia ha il suo modo di essere raccontata!!! :mrgreen:

        Per le presentazioni, non ti sei perso nulla… Piemme non ha organizzato nessuna presentazione e dubito lo farà adesso… un po’ un peccato perché mi avrebbe fatto piacere conoscere qualche lettore… 😀

        Quanto agli inediti, chissà, prima o poi potrebbero sempre diventare editi (la speranza è l’ultima a morire… cominciano a essere tanti)!!! Il problema, è credo, la mia troppa versatilità. Nella mia esperienza (limitata) gli editori amano di più gli autori ‘monoscocca’, con produzioni simili tra loro… forse sono più rilassanti! Ahahahaha!
        PS: E non dimentichiamo la lunghezza del testo e le trame complicate, anche nelle cose per ragazzi… :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

        Mi piace

      2. Sì è vero. Cornelia era per un target parecchio diverso. Ma per certi versi mi ha fatto sognare più di tutti gli altri. E comunque Marklant l’ho sentito parecchio distante anche da La scacchiera. Boh… Mio sentire personale. Al di là della narrazione in prima persona è proprio un libro diverso. Parte dalla realtà attuale ed arriva in un mondo fantastico. Questo invece è decisamente una concezione diversa. Un mondo a sè stante, con le proprie leggi, usi e creature. Tra il distopico e il fantasy tradizionale, (alla Tolkien per capirci).
        Comunque se il prossimo libro è di fantascienza il tuo editore darà in escandescenze mi sa…
        Va beh… ora la smetto di importunarti giuro…
        😛

        Mi piace

  4. @Skye: I lettori sono sempre dei cercatori d’oro!!!

    @Piero: Aha! Non importuni affatto! Il bello è proprio che ogni lettore vive a modo suo il libro che sta leggendo. Anche in relazione al periodo in cui lo legge. 😀
    Di certo se guardi tra i miei lavori ci troverai delle cose in comune, ma moltissimo di diverso tra l’uno e l’altro. Cornelia era per ragazzi ma si vedeva già il dettaglio sui meccanismi e la trama complessa. Tanto che i fan più accaniti mi risulta siano adulti… Anche lo Stregone era sui generis, anche se sempre per ragazzi. Per la Scacchiera lo spunto era diverso e si richiamava più a una sorta di impostazione da fumetto! Ma anche lì c’erano macchine strane e si combatteva nel senso classico del termine, soprattutto nell’ultimo! 😉
    Certo erano tutti ancorati al presente ma solo una parte dei miei lavori sono così anche perché non mi piace parlare sempre della stessa cosa…
    Marklant poteva rendere al massimo – secondo me – solo in un’ambientazione ‘realistica’. Finto storica, per intenderci, come ho detto mi pare nella NdA. Di certo non è tradizionale nel senso di nani, gnomi, elfi e così via… e ancor più certo è che nemmeno io sapevo dove sistemarlo come genere in particolare, pur sapendo che era fantasy. Ma il bello è l’esplorazione, sempre!
    PS: Quanto alla fantascienza, il mio editore è sconvolto da un bel po’ perché è la prima cosa che ho scritto in vita mia! E anche se ormai ha circa 20 anni… l’amo ancora alla follia!!!

    Mi piace

  5. L’ho appena finito di leggere. Divorato in un giorno e mezzo – invece che studiare fisica, accidenti 😥 – ma è stato più forte di me, non riuscivo a smettere di leggere!
    Mi sono innamorata del mondo, di Drith e Aric, di Chori, Nortigaar e persino di Woos, in un certo senso. Spero davvero che sia il primo di una saga molto lunga! :3

    Liked by 1 persona

    1. 😀 😀 😀 Uao! Un giorno e mezzo!!! Fantastico! Anche se a spese di fisica… 😉 Spero anch’io di potermi dedicare a molte altre avventure nel mondo di Marca e nelle Darkalant! Un po’ ho già iniziato, è stato più forte di me anche nel mio caso… a presto, spero!

      Liked by 1 persona

      1. Che bello! *-* Leggendo ho avuto l’impressione che ci fosse ancora tantissimo da raccontare sul mondo di Marca… spero davvero che l’editore accetti – non so come funzionino queste cose, ma lo spero! 🙂

        Mi piace

  6. In effetti i tempi dell’editoria attuale sono sempre piuttosto proibitivi(ottimisticamente parlando)… vedremo. Ma hai più che ragione, di cose da dire per questa ambientazione ce ne sono moltissime. O almeno io ne vedo moltissime! Succede quando ci si imbatte – da scribacchini – in un ‘mondo’ che funziona… le cose le racconta da sé, fornisce gli spunti e tutto… 😀

    Mi piace

  7. Ok, Miki, mi ha che ti ho trascurata un po’ troppo a lungo… ok che sto leggendo molte cose in inglese, che sono emigrato e che mi devo sposare fra 5 settimane…

    …ma perdermi un tuo libro di oltre 500 pagine uscito oltre 7 mesi fa per un fan è IMPERDONABILE!

    Liked by 1 persona

    1. Uao! Un sacco di cose (importantissime) da fare!!! Direi che sei più che giustificato 😉 E poi il bello dei libri è… che ti aspettano! E siccome Marklant è un po’ diverso dai miei soliti usciti finora, se lo leggi fammi sapere cosa ne pensi!!! 😀 😀 😀 E ovviamente ne approfitto per farti un milione di auguri per il matrimonio e la vita all’estero!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...